Yamaha Piano Festival: Dan Tepfer, Natural Machines

25/09/2022 at 11:00 in Sala Stradivari (Yamaha & Bösendorfer)

Natural Machines di Dan Tepfer

In un'epoca di progresso tecnologico senza precedenti, Dan Tepfer sta cambiando la definizione di strumento musicale. Presentato in un documentario NPR visto da 1,5 milioni di persone, Dan Tepfer mostra la sua abilità pionieristica in questo concerto programmando un Disklavier Yamaha per rispondere in tempo reale alla musica che improvvisa al pianoforte. Nel frattempo, un computer trasforma la musica in una straordinaria arte visiva animata. Definita "affascinante e geniale" da Rolling Stone, la performance dei Natural Machines vive in un'intersezione unica di processi meccanici e naturali, rendendola "più di un album per pianoforte solo... un pezzo multimediale di arte contemporanea molto ben realizzato e espresso da un pianista così premuroso, talentuoso, evocativo… che diventa un'esperienza completa” (NextBop).

 

Dan Tepfer

Dan Tepfer è considerato uno dei maggiori talenti della sua generazione, essensodi guadagnato una reputazione di livello internazionale come pianista e compositori dalle grandi ambizioni, che "rifiuta di porre dei limiti a se stesso", come ha scritto France’s Télérama. Nato nel 1982 a Parigi da genitori americani, attualmente vive a New York City, e ha registrato e suonato in tutto il mondo con alcuni dei più grandi nomi del jazz e della musica classica, da Lee Konitz a Renée Fleming, e ha pubblicato dieci album.

Tepfer ha guadagnato una fama internazionale nel 2011 grazie a Goldberg Variations / Variations, un disco che lo vede eseguire il capolavoro di J.S. Bach, ma anche improvvisare su di esso, con un risultato "elegante, meditativo ed elettrizzante", come ha scritto il New York Magazine. Il nuovo album di Tepfer, Natural Machines, spicca come uno dei più avvenieristici, e lo vede esplorare in tempo reale l'incontro fra arte e scienza, codificazione e improvvisazione, algoritmi digitali e ritmo del cuore. Il New York Times ha definito Tepfer "un improvvisatore profondamente razionale e attratto dall'ignoto".

Durante la pandemia di Covid, la sua convinzione che la musica unisca le persone in tempi di crisi lo ha portato a tuffarsi a capofitto nel live streaming, eseguendo quasi duecento concerti online da casa sua per una devota comunità di ascoltatori. Come parte di questo impegno, ha aperto la strada alla tecnologia audio a latenza ultra bassa che gli ha permesso di esibirsi dal vivo su Internet con musicisti in luoghi separati, culminando nello sviluppo della sua app, FarPlay.

Tepfer ha composto per vari ensemble oltre al jazz. Il suo quintetto per pianoforte Solar Spiral è stato presentato in anteprima nel 2016 al Ravinia Festival di Chicago, con Tepfer che si è esibito insieme all'Avalon String Quartet. Tepfer ha ricevuto commissioni dalla Prague Castle Guard Orchestra di Praga per due opere: la suite Algorithmic Transform (2015) e un concerto per banda sinfonica e pianoforte improvvisato, The View from Orohena (2010).

Nell'estate del 2019, Tepfer ha pubblicato il suo arrangiamento in trio jazz di Pulcinella di Stravinsky in stile barocco. Fra i riconoscimenti ricevuti da Tepfer citiamo i primi premi al Montreux Jazz Festival Solo Piano Competition 2006, l'East Coast Jazz Festival Competition 2006 e l'American Pianists Association Jazz Piano Competition 2007, nonché borse di studio dell'American Academy of Arts and Letters (2014), il MacDowell Colony (2016) e la Fondation BNP-Paribas (2018).

 

Organizzazione: Yamaha Music Europe - Branch Italy & CremonaFiere