Cremona Musica Award: premiazione di Valentin Silvestrov (categoria composizione), con Boris Berman, Maya Oganyan, Alessandro Stella, Giovanni Gnocchi, Nurit Stark.

24/09/2022 at 15:30 in Sala Zelioli Lanzini (Fazioli)

Consegna del Cremona Musica Award a Valentin Silvestrov.
A seguire, concerto con musiche di Valentin Silvestrov, alla presenza dell’autore.
 

Valentin Silvestrov:

The Messenger, per pianoforte (1996)
Maya Oganyan, pianoforte

 

Postludium, per violoncello e pianoforte (1982)
(da "Three Postludes")

Giovanni Gnocchi, violoncello
Alessandro Stella, pianoforte

 

4 Bagatelles Op. 220 (for A. Stella), per pianoforte (2014)
Andante, Andantino, Andantino, Allegretto

Alessandro Stella, pianoforte

 

Kitsch Music, per pianoforte (1977)
Allegro vivace, Moderato, Allegretto, Moderato, Allegretto

Boris Berman, pianoforte


Five Pieces, per violino e pianoforte (2004)(Ciclo I da "Melodies of the Moments")
Elegy, Serenade, Intermezzo, Barcarole, Nocturne

Nurit Stark, violino
Alessandro Stella, pianoforte

 

Il programma prevede l’esecuzione di brani del pianista e compositore ucraino Valentin Silvestrov (1937). Il compositore definì così il suo percorso: «La mia crescita musicale è stata un processo. Mi sono riconosciuto nel tempo nei vari periodi, dall'avanguardia alla musica aleatoria, partecipando ai movimenti musicali di ogni fase storica. Non ho mai preso una posizione conservatrice, ma l'avanguardia va interpretata. C'è quella di ricerca e quella scandalistica. [...] Mi ponevo il problema della sorgente della musica e per rispondere ho cercato di reimparare a scrivere la musica, cosa che le avanguardie avevano dimenticato”. Appartenente alla stessa generazione di Alfred Schnittke e Arvo Pärt, venne definito da questi ultimi come “uno dei più grandi compositori della nostra epoca”. Essendo una delle figure più importanti dell’avanguardia nell’ex Unione Sovietica sin dagli anni ’60 Silvestrov comprese che “la più importante lezione dell’avanguardia è quella di essere liberi da preconcetti, in particolare da quelli dell’avanguardia stessa”. The Messanger è un brano per pianoforte composto nel 1996 a seguito della morte improvvisa della moglie Larysa Bondarenko. La figura del “messaggero” è ispirata dagli scritti di Yakov Druskin, filosofo esistenziale di San Pietroburgo, rappresenta un collegamento tra questo mondo e l’aldilà. Silvestrov affermò che:  "È come se un visitatore da qualche altra dimensione temporale venisse da noi con un messaggio... forse Larysa stessa, forse qualche musa lontana che parla nel linguaggio della fine del XVIII secolo". Postludium è un brano per violoncello e pianoforte tratto dalla raccolta Three Postludes del 1982. Le 4 Bagatelles Op. 220 sono quattro brani per pianoforte compostosti nel 2014 per il pianista italiano Alessandro Stella. Chiudono il concerto l’esecuzione di Kitsch Music del 1977, in cui viene attribuito al 'kitsch' un senso elegiaco e non ironico, e Five Pieces del 2004 per violino e pianoforte tratti da Melodies for the Moments.

Federico Foglizzo

 

Valentin Silvestrov

Sia Alfred Schnittke che Arvo Pärt hanno definito l'ucraino Valentin Silvestrov "uno dei più grandi compositori della nostra epoca", di cui è anche uno dei veri interpreti originali. Fra i capostipiti dell'avanguardia nell'ex Unione Sovietic sin dagli anni '60, Silvestrov negli anni seguenti arrivò a comprendere che "la più importante lezione dell'avanguardia è quella di essere liberi da preconcetti, in particolare da quelli dell'avanguardia stessa".

 

Organizzazione: CremonaFiere